0 item
SHOPPING CART

Your shopping cart is empty

Continue Shopping
SUBTOTAL $0

5000 anni di storia: di che si tratta?
Aug 11, 2018

Parliamo del tanto diffuso smalto per le unghie! La curiosità sulle origini di questo prodotto nasce da una semplice domanda: che colore mettiamo per la coreografia? ...e da qui l'incognita: trattandosi di una coreografia faraonica, gli antichi egizi usavano lo smalto? Esisteva già??

A quanto pare, si: l'usanza di "dipingersi" le unghie risale all'antica Cina del terzo millennio a.C., ben 5000 anni fa! Gli antichi popoli cinesi erano soliti utilizzare sostanze di origine vegetale (petali di fiori, gomma arabica, ecc.), minerali e animali (cera d'api) che venivano sapientemente miscelate al fine di ottenere composti in grado di essere applicati sulle unghie allo scopo di colorarle. Naturalmente, l'uso di questi smalti non aveva la funzione prettamente estetica cui noi siamo abituati a pensare, bensì venivano utilizzati dalle classi ricche che detenevano il potere per distinguersi dal resto della popolazione.

Anche gli antichi egizi erano soliti colorare le proprie unghie. Analogamente a quanto avveniva nelle popolazioni cinesi, quest'usanza era tipica delle classi ricche, dei faraoni e delle regine che erano soliti dipingersi le unghie con l'henné, ottenendo una colorazione rosso-marrone. 
Sembra che Nefertiti prediligesse il rosso rubino, che si dice fosse colorato anche da gocce di sangue, mentre Cleopatra utilizzava un rosso cremisi. Ancora una volta era il colore a definire lo status: più il rosso era pieno, più la donna aveva potere.

Gli Incas e le popolazioni del Sud America decoravano le unghie con immagini di aquile ed uccelli.

In Europa i colori preferiti erano colori delicati e pastello, tendenti ad un sobrio rosa perlato.

Fu solo secoli dopo, più precisamente a partire dal IX secolo, che l'usanza di colorare le unghie con smalti acquistò il significato estetico tuttora attribuitogli.

LINK COPIED
Ultimi Posts